CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
Prevenzione malattie cardiovascolari
Gastroenterologia.net

La interruzione degli anticoagulanti orali dopo isolamento della vena polmonare nei pazienti con fibrillazione atriale non è sicura


L'interruzione del trattamento con Warfarin ( Coumadin ) dopo isolamento della vena polmonare non è sicuro nei pazienti ad alto rischio, soprattutto se hanno già avuto un ictus ischemico.

L’isolamento della vena polmonare ( PVI ) è un trattamento raccomandato per i pazienti con fibrillazione atriale, ma non è chiaro se si traduca in un minore rischio di ictus.

È stata studiata la proporzione di pazienti che hanno interrotto il trattamento anticoagulante dopo isolamento della vena polmonare in associazione con il punteggio CHA2DS2-VASc ( insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, età a partire da 75 anni, diabete mellito, ictus, malattie vascolari, età tra 65 e 74 anni, sesso femminile ), sono stati identificati alcuni fattori che predicono l'ictus dopo isolamento della vena polmonare, ed è stato esaminato il rischio di eventi cardiovascolari dopo isolamento della vena polmonare nei pazienti con e senza trattamento anticoagulante raccomandato dalle linee guida.

È stato condotto uno studio retrospettivo di coorte utilizzando i Registri sanitari nazionali svedesi dal 2006 al 2012, con un follow-up medio di 2.6 anni.
In totale sono stati inclusi 1.585 pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a isolamento della vena polmonare dal Swedish Catheter Ablation Register, con informazioni sull’esposizione a Warfarin nel registro Auricula. 
L'analisi dei dati è stata effettuata a partire dal 2015 al 2016.

Gli endpoin principali erano: ictus ischemico, emorragia intracranica e morte.

In questa coorte di 1.585 pazienti, il 73.0% era di sesso maschile, l’età media era 59.0 anni, e il punteggio medio CHA2DS2-VASc era di 1.5.
Dei 1.585 pazienti, 1.175 sono stati seguiti per più di 1 anno dopo isolamento della vena polmonare. 
Di questi, 360 ( 30.6% ) hanno interrotto il trattamento con Warfarin durante il primo anno.

Nei pazienti con punteggio CHA2DS2-VASc di 2 o più, i soggetti che hanno interrotto il trattamento con Warfarin hanno presentato un più alto tasso di ictus ischemico ( 5 eventi in 312 anni a rischio, 1.6% per anno ) rispetto a quelli che hanno continuato il trattamento con Warfarin ( 4 eventi in 1.192 anni a rischio, 0.3% per anno ) ( P=0.046 ).

I pazienti con un punteggio CHA2DS2-VASc di 2 o più, o coloro che in precedenza avevano avuto un ictus ischemico, hanno corso un più alto rischio di ictus se il trattamento con Warfarin veniva interrotto ( hazard ratio, HR=4.6; P=0.02 e HR=13.7; P=0.007, rispettivamente ).

I risultati indicano che l'interruzione del trattamento con Warfarin dopo isolamento della vena polmonare non è sicura nei pazienti ad alto rischio, in particolare in quelli che hanno già avuto un ictus ischemico. ( Xagena2017 )

Själander S et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 146-152

Cardio2017 Neuro2017 Farma2017


Indietro