Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Un prolungato monitoraggio cardiaco ambulatoriale migliora l’individuazione della fibrillazione atriale dopo ictus criptogenetico


Un prolungato monitoraggio cardiaco ambulatoriale dopo un ictus ischemico criptogenetico o attacco ischemico transitorio ( TIA ) sembra essere un metodo più efficace per rilevare la fibrillazione atriale occulta, rispetto ai metodi standard.

I ricercatori dello studio EMBRACE hanno assegnato i pazienti a monitoraggio cardiaco degli eventi per un massimo di 30 giorni o a monitoraggio Holter-24 ore ripetuto per registrare gli episodi di fibrillazione atriale.

Lo studio ha incluso 572 pazienti ( età media, 73 anni ) che avevano sofferto recentemente di un ictus ischemico criptogenetico ( 63% ) o TIA ( 37% ) e non-nota fibrillazione atriale, dopo interventi diagnostici che includevano un monitoraggio Holter negativo.

E’ stato esaminato l'outcome primario di 1 o più episodi di fibrillazione atriale della durata di almeno 30 secondi entro 90 giorni dalla randomizzazione, e gli outcome secondari di compliance del paziente e lo stato anticoagulante.

La fibrillazione atriale è stata rilevata nel 16% dei pazienti del gruppo di monitoraggio prolungato rispetto al 3% nel gruppo monitoraggio Holter-24 ore ripetuto ( P inferiore a 0.001 ).
Nel gruppo di monitoraggio prolungato, l'82% dei pazienti ha completato 3 o più settimane di monitoraggio; la maggior parte degli episodi di fibrillazione atriale sono stati individuati durante le prime due settimane di monitoraggio.

A 90 giorni, l'uso del trattamento anticoagulante è risultato aumentato, ed era maggiore nel gruppo di monitoraggio prolungato rispetto al gruppo di monitoraggio Holter di 24 ore ripetuto ( 18% vs 10%, p=0.01 ).

In conclusione, uno o due monitoraggi Holter a seguito di un ictus criptogenetico o di un TIA non sono sufficienti a escludere la fibrillazione atriale parossistica.
Il monitoraggio prolungato per 30 giorni è significativamente più efficace per il rilevamento della fibrillazione atriale, e può permettere di identificare i pazienti che potrebbero trarre beneficio dalla terapia anticoagulante per la prevenzione secondaria dell'ictus. ( Xagena2013 )

Fonte: International Stroke Conference, 2013



Neuro2013 Cardio2013 Diagno2013



Indietro