Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Valutazione dell'ablazione transcatetere o di farmaci antiaritmici per la terapia di prima linea della fibrillazione atriale


È stato riportato che il controllo precoce del ritmo della fibrillazione atriale con farmaci antiaritmici o con l'ablazione transcatetere migliori gli esiti cardiovascolari rispetto alle cure abituali; tuttavia, la modalità terapeutica ottimale per ottenere un controllo precoce del ritmo non è ben definita.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia dell'ablazione della fibrillazione atriale come terapia di prima linea rispetto agli antiaritmici nei pazienti con fibrillazione atriale parossistica mediante una meta-analisi di studi clinici randomizzati che hanno avuto almeno 12 mesi di follow-up e hanno confrontato gli esiti clinici dell'ablazione rispetto agli antiaritmici come terapia di prima linea negli adulti con fibrillazione atriale.

Gli esiti principali sono stati la sicurezza e l'efficacia dell'ablazione della fibrillazione atriale come terapia di prima linea rispetto agli antiaritmici.
Sono stati inclusi in totale 6 studi che hanno coinvolto 1.212 pazienti con fibrillazione atriale ( 609 sono stati randomizzati all'ablazione della fibrillazione atriale e 603 alla terapia farmacologica; età media 56 anni ).

Rispetto agli antiaritmici, l’uso dell’ablazione con catetere è stato associato con la riduzione dell’aritmia atriale ricorrente ( 32.3% vs 53%; risk ratio RR, 0.62; P minore di 0.001; I2=40% ), con un numero necessario da trattare con l'ablazione per prevenire 1 aritmia pari a 5.

L'uso dell'ablazione è stato anche associato a una ridotta aritmia atriale sintomatica ( 11.8% vs 26.4%; RR, 0.44; P=0.001; I2=54% ) e a ridotte ospedalizzazioni ( 5.6% vs 18.7%; RR, 0.32; P minore di 0.001 ) senza differenze significative negli eventi avversi gravi tra i gruppi ( 4.2% vs 2.8%; RR 1.52; P=0.19 ).

In questa meta-analisi di studi clinici randomizzati, inclusa la terapia di prima linea dei pazienti con fibrillazione atriale parossistica, l'ablazione con catetere rispetto ai farmaci antiaritmici è stata associata a una riduzione delle recidive di aritmie atriali e dei ricoveri, senza alcuna differenza negli eventi avversi maggiori. ( Xagena2021 )

Turagam MK et al, JAMA Cardiol 2021; 6: 697-705

Cardio2021 Farma2021


Indietro