Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Ablazione con radiofrequenza versus antiaritmici come trattamento di prima linea della fibrillazione atriale parossistica


La fibrillazione atriale è il disturbo del ritmo più comunemente osservato nella pratica clinica. I farmaci antiaritmici sono efficaci per la riduzione delle recidive nei pazienti con fibrillazione atriale sintomatica parossistica. L’ablazione con radiofrequenza è una terapia accettata in pazienti per i quali i farmaci antiaritmici hanno fallito; tuttavia, il suo ruolo come terapia di prima linea necessita di ulteriori indagini.

È stata confrontata l'ablazione con radiofrequenza con farmaci antiaritmici ( terapia standard ) nel trattamento di pazienti con fibrillazione atriale parossistica come terapia di prima linea in uno studio randomizzato su 127 pazienti naive al trattamento in 16 Centri in Europa e Nord America che hanno ricevuto una terapia antiaritmica o l’ablazione.
L’arruolamento dei pazienti è avvenuto nel periodo 2006-2010. L'ultimo follow-up è avvenuto a metà febbraio 2012.

Un totale di 66 pazienti nel gruppo con farmaci antiaritmici e 66 pazienti nel gruppo con ablazione a radiofrequenza sono stati seguiti per 24 mesi.

L’endpoint primario era rappresentato dal tempo alla prima tachiaritmia atriale documentata di durata superiore ai 30 secondi ( fibrillazione atriale sintomatica o asintomatica, flutter atriale o tachicardia atriale ), rilevata da un elettrocardiogramma ( ECG ), Holter, monitoraggio transtelefonico, o striscia di ritmo cardiaco.
Gli endpoint secondari comprendevano le recidive sintomatiche di tachiaritmie atriali e la qualità di vita valutate mediante EQ-5D.

Un totale di 44 pazienti ( 72.1% ) nel gruppo con antiaritmici e 36 pazienti ( 54.5% ) nel gruppo di ablazione hanno raggiunto l’endpoint primario di efficacia ( hazard ratio, HR=0.56; P=0.02 ).
Per gli endpoint secondari, il 59% nel gruppo con farmaci e il 47% nel gruppo di ablazione è andato incontro a una prima recidiva di fibrillazione atriale sintomatica, flutter atriale, tachicardia atriale ( HR=0.56; P=0.03 ).

Nessun decesso o ictus è stato riportato in entrambi i gruppi; 4 casi di tamponamento cardiaco sono stati segnalati nel gruppo di ablazione.

Nel gruppo di trattamento standard, 26 pazienti ( 43% ) sono stati sottoposti ad ablazione dopo 1 anno.

La qualità di vita è risultata moderatamente compromessa al basale in entrambi i gruppi, ed è migliorata a 1 anno di follow-up.
Tuttavia, il miglioramento non è stato significativamente differente tra i gruppi.

In conclusione, tra i pazienti con fibrillazione atriale parossistica senza precedente trattamento con farmaci antiaritmici, l'ablazione con radiofrequenza rispetto ai farmaci antiaritmici ha ridotto l’incidenza di tachiaritmie atriali ricorrenti a 2 anni.
Tuttavia, le forme recidivanti sono state frequenti in entrambi i gruppi. ( Xagena2014 )

Morillo CA et al, JAMA 2014; 311: 692-700

Cardio2014 Farma2014


Indietro