Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Associazione tra fibrillazione atriale mediata dall'obesità e terapia di blocco del canale di sodio con farmaci antiaritmici


L'associazione tra obesità, un fattore di rischio stabilito per la fibrillazione atriale e la risposta ai farmaci antiaritmici rimane non ben definita.
È stata esaminata l'ipotesi secondo cui l'obesità medi in modo differente la risposta ai farmaci antiaritmici nei pazienti con fibrillazione atriale sintomatica e nei topi con obesità indotta dalla dieta ( DIO ) e fibrillazione atriale indotta da stimolazione.

È stato condotto uno studio di coorte osservazionale su 311 pazienti arruolati in un registro clinico-genetico.
Sono stati valutati anche topi nutriti con una dieta ricca di grassi per 10 settimane. Lo studio è stato condotto nel periodo 2018-2019.

La risposta sintomatica è stata definita come continuazione con lo stesso farmaco antiaritmico per almeno 3 mesi.
La mancata risposta è stata definita come l'interruzione del farmaco antiaritmico entro 3 mesi dall'inizio a causa del cattivo controllo sintomatico della fibrillazione atriale che necessitava di una terapia alternativa di controllo del ritmo.

Le misure di esito nei topi con obesità indotta dalla dieta sono state la fibrillazione atriale indotta da stimolazione e la soppressione della fibrillazione atriale dopo 2 settimane di trattamento con Flecainide acetato o Sotalolo cloridrato.

In totale 311 pazienti ( età media, 65 anni; 120 donne, 38.6% ) hanno soddisfatto i criteri di ammissione e sono stati trattati con un farmaco antiaritmico di classe I o III per fibrillazione atriale sintomatica.
La mancata risposta ai farmaci antiaritmici di classe I nei pazienti con obesità è stata inferiore rispetto a quelli senza obesità ( 30% obesi vs 6% non-obesi; differenza, 0.24; P=0.001 ).
Entrambi i gruppi hanno avuto una risposta sintomatica simile a un antiaritmico bloccante il canale del potassio.

All’analisi multivariata, obesità, classe del farmaco antiaritmico ( classe I versus III, obesi, odds ratio, OR=4.54; P=0.001 ), sesso femminile versus maschile ( OR, 2.31; P=0.03 ) e ipertiroidismo ( OR=4.95; P=0.02 ) erano indicatori significativi della probabilità di mancata risposta ai farmaci antiaritmici.

La stimolazione ha indotto la fibrillazione atriale nel 100% dei topi con obesità indotta dalla dieta rispetto al 30% ( P minore di 0.001 ) nei controlli.
Inoltre, i topi DIO hanno mostrato una maggiore riduzione del carico di fibrillazione atriale quando sono stati trattati con Sotalolo rispetto alla Flecainide ( 85% vs 25%; P minore di 0.01 ).

I risultati suggeriscono che l'obesità possa mediare in modo indifferente la risposta ai farmaci antiaritmici nei pazienti e nei topi con fibrillazione atriale, riducendo probabilmente l'efficacia terapeutica dei bloccanti dei canali del sodio.
Questi risultati possono avere implicazioni per la gestione della fibrillazione atriale nei pazienti con obesità. ( Xagena2020 )

Ornelas-Loredo A et al, JAMA Cardiol 2020; 5: 57-64

Cardio2020 Endo2020



Indietro