Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

EAST-AFNET 4: il controllo precoce del ritmo per la fibrillazione atriale riduce il rischio di esiti cardiovascolari non-favorevoli


La terapia del controllo del ritmo entro 1 anno dalla diagnosi di fibrillazione atriale nei pazienti con condizioni cardiovascolari ha ridotto il rischio di eventi cardiovascolari rispetto alle cure abituali.

Lo studio EAST-AFNET 4 ha mostrato che l'inizio precoce della terapia per il controllo del ritmo con farmaci antiaritmici o l'ablazione della fibrillazione atriale migliora i risultati.
Il rischio di morte cardiovascolare, ictus, peggioramento dell'insufficienza cardiaca o sindrome coronarica acuta è risultato ridotto del 20% grazie al controllo precoce del ritmo.

In questo studio a gruppi paralleli, randomizzato, in aperto, i ricercatori hanno analizzato i dati di 2.789 pazienti di 135 siti in 11 Paesi europei.
I pazienti avevano una fibrillazione atriale precoce, definita come aritmia diagnosticata fino a 1 anno prima dell'arruolamento, e condizioni cardiovascolari tra cui ipertensione, scompenso cardiaco e grave malattia coronarica.

Ai pazienti è stato assegnato il controllo precoce del ritmo ( n = 1.395; età media, 70 anni; 46% donne ) o le cure abituali ( n = 1.394; età media, 70 anni; 47% donne ).
Il controllo precoce del ritmo includeva farmaci antiaritmici o ablazione della fibrillazione atriale, oltre alla cardioversione per la fibrillazione atriale persistente.
I pazienti assegnati alle cure abituali sono stati trattati con terapia di controllo della frequenza senza terapia di controllo del ritmo.

Il primo esito primario è stato definito come un composito di morte cardiovascolare, ospedalizzazione con peggioramento di scompenso cardiaco o sindrome coronarica acuta o ictus, che è stato valutato in una analisi del tempo all'evento.
Il secondo esito primario era il numero di notti in ospedale all'anno, a rappresentare i costi per i sistemi sanitari.

Lo studio è stato interrotto per efficacia dopo una mediana di 5.1 anni di follow-up per ciascun paziente.

Il tempo mediano dalla diagnosi di fibrillazione atriale all'arruolamento nello studio era di 36 giorni.

Il primo esito primario si è verificato con un minor numero di pazienti assegnati al controllo del ritmo precoce ( n = 249; 3.9 per 100 anni-persona ) rispetto a quelli assegnati alle cure abituali ( n = 316; 5 per 100 anni-persona; hazard ratio, HR = 0.79; IC 96% , 0.66-0.94 ).

I gruppi di controllo precoce del ritmo e di cura abituale avevano un numero simile di notti trascorse in ospedale all'anno ( 5.8 giorni versus 5.1 giorni; P = 0.23 ).

Anche il tasso dell'outcome primario di sicurezza, definito come un composito di ictus, morte per tutte le cause o eventi avversi gravi prespecificati correlati a complicanze della terapia per il controllo del ritmo, è risultato simile in entrambi i gruppi, poiché gli eventi avversi gravi si sono verificati nel 4.9% dei pazienti assegnati al controllo precoce del ritmo contro l'1.4% di quelli assegnati alle cure abituali.
Non sono state osservate differenze significative tra i due gruppi riguardo ai sintomi di fibrillazione atriale e la funzione ventricolare sinistra a 2 anni. ( Xagena2020 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Digital Congress, 2020

Cardio2020 Neuro2020 Farma2020



Indietro