Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Effetto dell'ablazione transcatetere mediante isolamento della vena polmonare con o senza isolamento della parete atriale posteriore sinistra sulla recidiva di aritmia atriale nella fibrillazione atriale persistente: studio CAPLA


L'isolamento della vena polmonare ( PVI ) da solo è meno efficace nei pazienti con fibrillazione atriale persistente rispetto alla fibrillazione atriale parossistica.
La parete posteriore dell'atrio sinistro può contribuire al mantenimento della fibrillazione atriale persistente e l'isolamento della parete posteriore ( PWI ) è una comune aggiunta all’isolamento della vena polmonare.
Tuttavia, l'isolamento della parete posteriore non è stato sottoposto a confronto randomizzato.

È stato confrontato l’isolamento della vena polmonare con l’isolamento della parete posteriore versus il solo isolamento della vena polmonare da solo nei pazienti con fibrillazione atriale persistente sottoposti ad ablazione transcatetere per la prima volta.

È stato condotto uno studio clinico multicentrico, randomizzato, avviato dallo sperimentatore che ha coinvolto 11 centri in 3 Paesi ( Australia, Canada, Regno Unito ).

I pazienti sintomatici con fibrillazione atriale persistente sono stati randomizzati a isolamento della vena polmonare con isolamento della parete posteriore o solamente a isolamento della vena polmonare.
I pazienti sono stati arruolati nel periodo 2018-2021, con un follow-up di 1 anno completato a marzo 2022.

Il gruppo isolamento della vena polmonare con isolamento della parete posteriore ( n=170 ) è stato sottoposto a un ampio isolamento della vena polmonare della regione antrale seguito da un isolamento della parete posteriore con ablazione lineare del tetto e del pavimento per ottenere l'isolamento elettrico.

Il gruppo solo isolamento della vena polmonare ( n=168 ) è stato sottoposto solo all'ampio isolamento della vena polmonare antrale.

L'endpoint primario era la libertà da qualsiasi aritmia atriale documentata di oltre 30 secondi senza farmaci antiaritmici a 12 mesi, dopo una singola procedura di ablazione. I 23 esiti secondari includevano l'assenza di aritmia atriale con/senza farmaci antiaritmici dopo più procedure, l'assenza di fibrillazione atriale sintomatica con/senza farmaci antiaritmici dopo più procedure, il carico di fibrillazione atriale tra i gruppi di studio a 12 mesi, gli esiti procedurali e le complicanze.

Tra i 338 pazienti randomizzati ( età media, 65.6 anni; 76.9% uomini ), 330 ( 97.6% ) hanno completato lo studio. Dopo 12 mesi, 89 pazienti ( 52.4% ) assegnati a isolamento della vena polmonare con isolamento della parete posteriore erano liberi da aritmia atriale ricorrente senza terapia antiaritmica dopo una singola procedura, rispetto ai 90 ( 53.6% ) assegnati a isolamento della vena polmonare da solo ( differenza tra i gruppi, -1.2%; hazard ratio, 0.99; P=0.98 ).

Degli endpoint secondari, 9 non hanno mostrato differenze significative, inclusa la libertà da aritmia atriale con/senza farmaci antiaritmici dopo procedure multiple ( 58.2% per isolamento della vena polmonare con isolamento della parete posteriore vs 60.1% per isolamento della vena polmonare da solo; HR, 1.10; P=0.57 ), assenza di fibrillazione atriale sintomatica con/senza farmaci antiaritmici dopo procedure multiple ( 68.2% vs 72%; HR, 1.20; P=0.36 ) o carico di fibrillazione atriale ( 0% vs 0%, P=0.47 ).

I tempi procedurali medi ( 142 vs 121 minuti, P minore di 0.001 ) e i tempi di ablazione ( 34 vs 28 minuti, P minore di 0.001 ) sono stati significativamente più brevi per il solo isolamento della vena polmonare.
Ci sono state 6 complicanze per isolamento della vena polmonare con isolamento della parete posteriore e 4 per il solo isolamento della vena polmonare.

Nei pazienti sottoposti per la prima volta ad ablazione transcatetere per fibrillazione atriale persistente, l'aggiunta di isolamento della parete posteriore all’isolamento della vena polmonare non ha migliorato significativamente la libertà dall'aritmia atriale a 12 mesi rispetto al solo isolamento della vena polmonare.
Questi risultati non supportano l'inclusione empirica dell’isolamento della parete posteriore per l'ablazione della fibrillazione atriale persistente. ( Xagena2023 )

Kistler PM et al, JAMA 2023; 329: 127-135

Cardio2023



Indietro