52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Esiti di ablazione transcatetere della tachicardia ventricolare nella cardiomiopatia dilatativa ischemica e nella cardiomiopatia ischemica


I dati sugli esiti di ablazione della tachicardia ventricolare ( VT ) nella cardiomiopatia dilatativa non-ischemica sono insufficienti.
Lo studio HELP-VT ( Heart Center of Leipzig VT ) è stato condotto in modo prospettico per confrontare gli esiti dopo ablazione a radiofrequenza con catetere della tachicardia ventricolare in pazienti con cardiomiopatia dilatativa non-ischemica confrontati con quelli della cardiomiopatia ischemica.

227 pazienti, 63 con cardiomiopatia dilatativa non-ischemica e 164 con cardiomiopatia ischemica, che presentavano sostenuta tachicardia ventricolare sono stati sottoposti ad ablazione con catetere a radiofrequenza.

La non-inducibilità di qualsiasi tachicardia ventricolare clinica e non-clinica è stata raggiunta nel 66.7% dei pazienti con cardiomiopatia dilatativa non-ischemica e nel 77.4% dei pazienti con cardiomiopatia ischemica.

L’ablazione della tachicardia ventricolare clinica da sola è stata raggiunta nel 18.3% dei pazienti con cardiomiopatia ischemica e nel 22.2% dei pazienti con cardiomiopatia dilatativa non-ischemica.
Non c'è stata differenza statisticamente significativa nei risultati a breve termine tra i 2 gruppi.

A un anno di follow-up, la sopravvivenza libera da tachicardia ventricolare nella cardiomiopatia dilatativa non-ischemica è stata del 40.5% rispetto al 57% nella cardiomiopatia ischemica.

All'analisi univariata, l'hazard ratio ( HR ) per recidiva di tachicardia ventricolare è stato significativamente più alto per la cardiomiopatia dilatativa non-ischemica ( HR=1.62; P=0.01 ).

In entrambi i sottogruppi di cardiomiopatia ischemica e cardiomiopatia dilatativa non-ischemica, il fallimento della procedura e un successo procedurale incompleto sono stati predittori indipendenti di recidiva di tachicardia ventricolare.

In conclusione, anche se i tassi di successo a breve termine dopo ablazione della tachicardia ventricolare nei pazienti con cardiomiopatia dilatativa non-ischemica e cardiomiopatia ischemica sono stati simili, i risultati a lungo termine nei pazienti con cardiomiopatia dilatativa non-ischemica sono stati significativamente peggiori.
Una completa non-indicibilità della tachicardia ventricolare alla fine dell'ablazione è associata ad esito positivo a lungo termine nella cardiomiopatia dilatativa non-ischemica.
È auspicabile perseguire una completa eliminazione di tutte le tachicardie ventricolari inducibili per migliorare il successo a lungo termine nella cardiomiopatia dilatativa non-ischemica. ( Xagena2014 )

Dinov B et al, Circulation 2014; 129: 728-736

Cardio2014



Indietro