Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Fibrosi atriale mediante risonanza magnetica con captazione tardiva del Gadolinio e ablazione transcatetere della fibrillazione atriale: dati di follow-up a 5 anni


L'imaging con risonanza magnetica con captazione tardiva del Gadolinio è uno strumento efficace per la valutazione della fibrosi atriale.
Il grado di fibrosi atriale sinistra è un buon predittore del successo dell'ablazione della fibrillazione atriale a 1 anno, ma l'associazione tra fibrosi atriale sinistra e successo dell’ablazione a lungo termine non è stata studiata.

Le immagini di risonanza magnetica di captazione tardiva del Gadolinio di qualità sufficiente per quantificare la fibrosi atriale sono state ottenute prima della prima ablazione della fibrillazione atriale in 308 pazienti consecutivi.
La fibrosi atriale sinistra è stata classificata in 4 stadi Utah ( I, 0-10%; II, 10-20%; III, 20-30% e IV, superiore al 30% ).

I pazienti sono stati seguiti per un massimo di 5 anni fino al momento della prima recidiva di aritmia o seconda ablazione.
Sono stati inclusi in totale 308 pazienti; l'età media era di 64.5 anni e il 63.4% erano uomini.

Durante il follow-up, 157 pazienti hanno presentato una recidiva di aritmia e 106 pazienti sono stati sottoposti ad ablazione ripetuta.

È stato osservato un effetto graduale in cui i pazienti con fibrosi atriale più avanzata presentavano una maggiore probabilità di andare incontro a recidiva di fibrillazione atriale ( hazard ratio per stadio IV rispetto allo stadio I, HR=2.73 ) ed essere sottoposti ad ablazione ripetuta ( hazad ratio per stadio IV rispetto allo stadio I, HR=5.19 ).

In conclusione, il grado di fibrosi atriale sinistra predice il successo dell'ablazione della fibrillazione atriale con follow-up fino a 5 anni.
Nei pazienti con fibrosi atriale avanzata, l'ablazione della fibrillazione atriale è associata a un alto tasso di fallimento procedurale. ( Xagena2018 )

Chelu MG et al, J Am Heart Assoc. 2018;7(23):e006313. doi: 10.1161/JAHA.117.006313.

Cardio2018 Diagno2018



Indietro