Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

La tachicardia ventricolare / fibrillazione ventricolare precoce dopo impianto di defibrillatore nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica


Gli studi sul defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) nei pazienti affetti da malattia dell'arteria coronaria riportano più alto rischio di tachicardia / fibrillazione ventricolare ( TV/FV ) precoce post-impianto, potenzialmente correlato a effetti proaritmici locali dei cateteri dell’ICD.

L’obiettivo di uno studio è stato quello di caratterizzare il rischio precoce e a lungo termine della scarica degli ICD per tachicardia / fibrillazione ventricolare in un’ampia coorte di pazienti con cardiomiopatia ipertrofica.

E’stato confrontato il rischio a lungo termine di TV/FV successivo a un periodo precoce di post-impianto ( definito come entro 3 mesi dall’impianto ) tra i pazienti con o senza tachicardia / fibrillazione ventricolare entro 3 mesi dopo impianto di defibrillatore.

Nel corso di un follow-up mediano di 4.3 anni, il 22% ( 109 di 506 ) dei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ha ricevuto almeno una scarica da un defibrillatore impiantabile per tachicardia / fibrillazione ventricolare.

Il rischio di prima scarica dell'ICD per TV/FV è risultato più elevato nel primo anno post-impianto ( 10.8 % per anno-persona ) e in particolare nei primi 3 mesi ( 17% per anno-persona ).

I pazienti con tachicardia / fibrillazione ventricolare precoce ( inferiore o uguale a 3 mesi post-impianto ) erano più anziani, e più comunemente avevano un ICD per la prevenzione secondaria a seguito di arresto cardiaco o di disfunzione sistolica ( cardiomiopatia ipertrofica allo stadio terminale con frazione di eiezione inferiore al 50% ).

Solo lo 0.7% ( 2 di 247 ) dei pazienti con ICD per la prevenzione primaria e con funzione sistolica preservata ha presentato tachicardia / fibrillazione ventricolare.

I pazienti con tachicardia / fibrillazione ventricolare precoce post-impianto ( inferiore o uguale a 3 mesi ) avevano un rischio maggiore ( più di 5 volte ) di sviluppare in futuro tachicardia ventricolare / fibrillazione ventricolare durante follow-up di lungo periodo, rispetto ai pazienti senza TV/FV precoce ( hazard ratio corretto, aHR=5.4 ).

In conclusione, i pazienti ad alto rischio con cardiomiopatia ipertrofica e precoce tachicardia / fibrillazione ventricolare dopo impianto di ICD sono particolarmente soggetti a successivi episodi di TV/FV durante il follow-up.
Gli interventi precoci dei defibrillatori impiantabili per tachicardia ventricolare / fibrillazione ventricolare sono essenzialmente limitati a pazienti con precedente arresto cardiaco o con disfunzione sistolica, e quindi con più alto rischio aritmico piuttosto che a rischio di proaritmia correlata agli elettrodi. ( Xagena2013 )

Alsheikh-Ali AA et al, Heart Rhythm 2013; 10; 214-218

Cardio2013



Indietro