52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

La Tossina botulinica per via iniettiva durante CABG evita le recidive di fibrillazione atriale per 1 anno


L'iniezione di Tossina botulinica entro i cuscinetti adiposi epicardici durante l’intervento di bypass aorto.coronarico ( CABG ) ha ridotto l'incidenza di fibrillazione atriale post-operatoria e ha soppresso le recidive di fibrillazione atriale per 1 anno.

I ricercatori hanno assegnato in modo casuale 60 pazienti con fibrillazione atriale parossistica e l'indicazione per CABG al trattamento con una iniezione di Tossina botulinica ( Xeomin ) 50 U per 1 mL a ciascun cuscinetto adiposo oppure a placebo ( soluzione fisiologica 0.9%, 1 ml per ogni cuscinetto adiposo ) durante l’intervento coronarico.

Di norma questi pazienti hanno un rischio di recidiva di fibrillazione atriale del 10-50%.

Secondo i ricercatori alcune recidive di fibrillazione atriale dopo CABG sono causate dai neurotrasmettitori correlati ai cuscinetti adiposi epicardici.
In studi su animali la Tossina botulinica ha dimostrato di inibire i neurotrasmettitori e sopprimere la fibrillazione atriale.

I pazienti sono stati seguiti per 1 anno per valutare il mantenimento del ritmo sinusale con un monitor cardiaco ( loop recorder ) impiantabile.

A 30 giorni è stato osservato un tasso di recidiva nel 7% dei pazienti del gruppo Tossina botulinica contro il 30% del gruppo di controllo ( p = 0.024 ).
Nel periodo compreso tra 30 giorni e 1 anno, nessun paziente nel gruppo Tossina botulinica ha sofferto di fibrillazione atriale ricorrente contro il 27% del gruppo di controllo ( p = 0.002 ).
Tra i controlli, due pazienti hanno sviluppato l’aritmia nella forma persistente necessitando dell’intervento di ablazione transcatetere.

A 1 anno di follow-up, il carico medio di fibrillazione atriale secondo il loop recorder impiantabile è stato pari a 0.07% nel gruppo Tossina botulinica contro l'1.5% nel gruppo di controllo ( P inferiore a 0.001 ).

Non sono stati riscontrati ictus o altri eventi clinici gravi in entrambi i gruppi. ( Xagena2015 )

Fonte: Heart Rhythm Society ( HRS ) Meeting, 2015

Cardio2015 Chiru2015 Farma2015


Indietro