Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

L'ablazione della fibrillazione atriale durante chirurgia cardiaca associata a una migliore sopravvivenza a lungo termine


L'ablazione chirurgica per la fibrillazione atriale concomitante ad altri interventi di cardiochirurgia, inclusa la riparazione o la sostituzione della valvola mitrale più l'intervento di sostituzione della valvola tricuspide o il bypass dell'arteria coronaria ( CABG ), è associata a una sopravvivenza a lungo termine significativamente migliorata, indipendentemente dal rischio chirurgico di base dell'individuo.

Uno studio multicentrico, retrospettivo, abbinato alla propensione, è stato condotto tra i pazienti del registro HEIST ( HEart Surgery In Atrial Fibrillation and Supraventricular Tachycardia ).
È noto che la presenza di fibrillazione atriale preoperatoria aumenta il rischio di ictus, insufficienza cardiaca e mortalità per qualsiasi causa dopo un intervento chirurgico cardiaco.
E' stata valutata la mortalità a lungo termine dopo l'ablazione chirurgica che precede la chirurgia cardiaca.

Sono stati arruolati nello studio tutti i pazienti adulti consecutivi con fibrillazione atriale prechirurgica sottoposti a chirurgia al cuore con sternotomia convenzionale tra il 2010 e il 2021 in 8 Centri terziari in Polonia, Paesi Bassi e Italia.

L'endpoint primario dello studio era la mortalità al follow-up dopo la sola cardiochirurgia rispetto alla cardiochirurgia associat a concomitante ablazione chirurgica.
Gli endpoint secondari includevano la mortalità precoce ( incidenza inferiore a 48 ore e a 30 giorni ), le complicanze ospedaliere, la durata della degenza in Unità di terapia intensiva ( UTI ) e in ospedale.

Sono stati identificati un totale di 20.765 pazienti con fibrillazione atriale sottoposti a cardiochirurgia.
Complessivamente, il 62% di loro erano uomini. I partecipanti avevano un'età media di 68.2 anni e EuroSCORE ( European System for Cardiac Operative Risk Evaluation ) II in media del 5.48%.

I risultati dello studio hanno mostrato che 2755 pazienti avevano ricevuto l'ablazione chirurgica per fibrillazione atriale, contro 18.010.

I tassi più alti di ablazione chirurgica sono stati osservati tra coloro che avevano ricevuto interventi mitralici ( riparazione o sostituzione della valvola mitrale più intervento riguardante la tricuspide; 25.2% ).
I tassi più bassi sono stati rilevati tra i pazienti sottoposti a innesto di bypass coronarico isolato ( 6.2% ).
I pazienti nel gruppo con ablazione chirurgica erano significativamente più giovani rispetto a quelli nel gruppo con ablazione non-chirurgica ( età media, 64.5 anni vs 68.7 anni, rispettivamente; P inferiore a 0.001 ) e avevano un EuroSCORE II medio significativamente più basso (4.1 vs. 5.7, rispettivamente; P inferiore a 0.001 ).

Durante lo studio di 11 anni, una significativa diminuzione della mortalità è stata associata all'uso dell'ablazione chirurgica ( hazard ratio [ HR ], 0.57; IC 95%, 0.52-0.62; P inferiore a 0.001 ).

Dopo l'abbinamento della propensione, sono state identificate un totale di 2750 coppie con caratteristiche basali simili e sono state assegnate al braccio di ablazione chirurgica o a quello non-chirurgico.
La performance dell'ablazione chirurgica concomitante è stata associata a un calo del 16% della mortalità rispetto al non-uso dell'ablazione chirurgica ( HR, 0.84; IC 95%, 0.75-0.94; P = 0.003 ).

Dallo studio è emerso che l'ablazione chirurgica in concomitanza con altri interventi di cardiochirurgia è risultata associata a una migliore sopravvivenza a lungo termine indipendentemente dal rischio chirurgico di base. ( Xagena2022 )

Fonte: The Journal of Thoracic and Cardiovascular Surgery, 2022

Cardio2022 Chiru2022



Indietro