Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Pazienti asintomatici con pattern ECG di Brugada: prognosi a lungo termine da un ampio studio prospettico


La sindrome di Brugada pone sfide significative in termini di stratificazione e gestione del rischio, in particolare per i pazienti asintomatici che costituiscono la maggior parte degli individui che presentano pattern ECG di Brugada ( BrECG ).
Lo scopo di questo studio era di valutare la prognosi a lungo termine di un'ampia coorte di pazienti asintomatici con pattern ECG di Brugada.

Pazienti asintomatici con pattern ECG di Brugada ( 1.149 ) sono stati raccolti consecutivamente da 2 Centri italiani e seguiti almeno una volta all'anno per un periodo da 2 a 22 anni.

Per i 539 pazienti asintomatici ( uomini, 433, 80%; età media, 46 anni ) con tipo 1 spontaneo documentato all'ECG basale ( 87% ) o al monitoraggio Holter a 12 derivazioni nelle 24 ore ( 13% ), è stato proposto uno studio elettrofisiologico ( EPS ); per i 610 pazienti con tipo 1 indotto esclusivamente da farmaci ( uomini, 420, 69%; età media, 44 anni ), sono stati consigliati ECG multipli e Holter a 12 derivazioni per rilevare la comparsa di pattern ECG di Brugada di tipo 1 spontaneo.

Gli eventi aritmici sono stati definiti come morte improvvisa o fibrillazione ventricolare o tachicardia documentata.

Il follow-up mediano è stato di 6 anni. 17 ( 1.5% ) eventi aritmici si sono verificati nella popolazione asintomatica complessiva ( corrispondente a un tasso di eventi dello 0.2% per anno ), inclusi 16 su 539 ( 0.4% per anno ) in pazienti con pattern ECG di Brugada di tipo 1 spontaneo e 1 su 610 in pazienti con pattern ECG di Brugada di tipo 1 indotto da farmaci ( 0.03% all'anno; P minore di 0.001 ).

Lo studio elettrofisiologico è stato eseguito in 339 ( 63% ) pazienti con pattern ECG di Brugada di tipo 1 spontaneo.

I pazienti con pattern ECG di Brugada di tipo 1 spontaneo e studio elettrofisiologico positivo avevano tassi di eventi significativamente più elevati rispetto ai pazienti con studio elettrofisiologico negativo ( 7 su 103, 0.7% all'anno, rispetto a 4 su 236, 0.2% all'anno; P=0.025 ).

Tra i 200 pazienti che hanno rifiutato lo studio elettrofisiologico, si sono verificati 5 eventi ( 0.4% all'anno ).
C'è stato 1 decesso correlato al dispositivo.

L’intera popolazione di pazienti asintomatici con pattern ECG di Brugada presenta un tasso di eventi annuo relativamente basso, il che è importante in considerazione della lunga aspettativa di vita di questi giovani pazienti.

La presenza di pattern ECG di Brugada di tipo 1 spontaneo associato a studio elettrofisiologico positivo identifica un sottogruppo a rischio più elevato.

I pazienti asintomatici con pattern ECG di Brugada indotto solo da farmaci hanno un rischio aritmico minimo, ma si raccomanda un follow-up continuo con monitoraggio Holter a 12 derivazioni per rilevare la comparsa di un pattern ECG di Brugada spontaneo di tipo 1. ( Xagena2023 )

Gaita F et al, Circulation 2023; 148: 1543-1555

Cardio2023



Indietro