Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Rischio di aritmie maligne nei pazienti inizialmente sintomatici con sindrome di Wolff-Parkinson-White


La quantità disponibile di dati dettagliati a lungo termine nei pazienti con sindrome di Wolff-Parkinson-White è limitata, e non sono disponibili studi prospettici elettrofisiologici rivolti ai fattori predittivi di aritmia maligna.

Tra 8.575 pazienti con sindrome di Wolff-Parkinson-White sintomatica con tachicardia da rientro atrioventricolare emersa da test elettrofisiologici, 369 ( età media 23 anni ) hanno rifiutato l'ablazione transcatetere e sono stati seguiti nel follow-up.

L'endpoint primario dello studio era quello di valutare, per un follow-up di 5 anni, i predittori e le caratteristiche dei pazienti che sviluppano aritmie maligne.

Dopo un follow-up medio di 42.1 mesi, si sono sviluppate aritmie maligne in 29 pazienti ( età media,13.9 anni, 26 maschi ), con conseguente presincope / sincope ( n=25 ), collasso emodinamico ( n=3 ), o arresto cardiaco causato da fibrillazione ventricolare ( n=1 ).

Dei rimanenti 340 pazienti, 168 ( età media 34.2 anni ) sono rimasti asintomatici fino a 5 anni, e 172 ( età media, 13.6 anni ) hanno avuto una recidiva benigna, inclusa tachicardia da rientro atrioventricolare ( n=132 ) o fibrillazione atriale ( n=40 ).

Rispetto al gruppo senza aritmie maligne, il gruppo con aritmie maligne ha mostrato un periodo refrattario effettivo della via accessoria più breve ( P minore 0.001 ) ed era stato con più frequenza esposto a vie accessorie multiple ( P minore 0.001 ), e la tachicardia da rientro atrioventricolare di attivazione della fibrillazione atriale pre-eccitazione sostenuta è stata più frequentemente inducibile ( P minore di 0.001 ).

L'analisi multivariata ha dimostrato che un più breve periodo refrattario effettivo del percorso accessorio ( P minore di 0.001 ) e tachicardia da rientro atrioventricolare che innesca fibrillazione atriale pre-eccitata sostenuta ( P minore di 0.001 ) sono risultati predittori indipendenti di aritmie maligne.

In conclusione, i pazienti sintomatici con sindrome di Wolff-Parkinson-White hanno generalmente un buon risultato, e i predittori di aritmie maligne sono simili a quelli riportati per i pazienti asintomatici con pre-eccitazione ventricolare. ( Xagena2012 )

Pappone C et al, Ciruclation 2012; 125: 661-668

Cardio2012



Indietro