Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Strategie di defibrillazione per la fibrillazione ventricolare refrattaria


Nonostante i progressi nella tecnologia di defibrillazione, la fibrillazione ventricolare refrattaria allo shock rimane comune durante l'arresto cardiaco extraospedaliero.

La doppia defibrillazione sequenziale esterna ( DSED; scariche sequenziali rapide da due defibrillatori ) e la defibrillazione con cambio di vettore ( VC ) ( passaggio degli elettrodi di defibrillazione in posizione antero-posteriore ) sono state proposte come strategie di defibrillazione per migliorare gli esiti nei pazienti con fibrillazione ventricolare refrattaria.

È stato condotto uno studio randomizzato a grappolo con crossover tra sei servizi paramedici canadesi per valutare la doppia defibrillazione sequenziale esterna e la defibrillazione con cambio di vettore rispetto alla defibrillazione standard nei pazienti adulti con fibrillazione ventricolare refrattaria durante l'arresto cardiaco extraospedaliero.

I pazienti sono stati trattati con una di queste tre tecniche secondo la strategia che è stata assegnata in modo casuale al servizio paramedico.

L'esito primario era la sopravvivenza alla dimissione dall'ospedale.
Gli esiti secondari includevano la cessazione della fibrillazione ventricolare, il ritorno della circolazione spontanea e un buon esito neurologico, definito come un punteggio della scala Rankin modificato pari o inferiore a 2 ( che indica assenza di sintomi o lieve disabilità ) alla dimissione dall'ospedale.

In totale 405 pazienti sono stati arruolati prima che il Comitato di monitoraggio dei dati e della sicurezza interrompesse lo studio a causa della pandemia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ).

In totale 136 pazienti ( 33.6% ) sono stati assegnati a ricevere la defibrillazione standard, 144 ( 35.6% ) a ricevere la defibrillazione con cambio di vettore e 125 ( 30.9% ) a ricevere doppia defibrillazione sequenziale esterna.

La sopravvivenza alla dimissione ospedaliera è stata più comune nel gruppo DSED rispetto al gruppo standard ( 30.4% vs 13.3%; rischio relativo, RR=2.21 ) e più comune nel gruppo CV rispetto al gruppo standard ( 21.7% vs 13.3%; rischio relativo, 1.71 ).

La doppia defibrillazione sequenziale esterna, ma non la defibrillazione con cambio di vettore, è stata associata a una percentuale più alta di pazienti con un buon esito neurologico rispetto alla defibrillazione standard ( rischio relativo, 2.21 e 1.48, rispettivamente ).

Tra i pazienti con fibrillazione ventricolare refrattaria, la sopravvivenza alla dimissione dall'ospedale si è verificata più frequentemente tra coloro che hanno ricevuto la doppia defibrillazione sequenziale esterna o defibrillazione con cambio di vettore rispetto a quelli che hanno ricevuto la defibrillazione standard. ( Xagena2022 )

Cheskes S et al, N Engl J Med 2022; 387: 1947-1956

Cardio2022



Indietro