Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Tachicardia ventricolare recidivante dopo ablazione transcatetere della tachicardia ventricolare post-Infarto


Uno studio ha valutato i fattori determinanti di tachicardia ventricolare recidivante nei pazienti sottoposti ad ablazione della tachicardia ventricolare per tachicardia ventricolare post-infarto.

I fattori in grado di predire la ricorrenza di tachicardia ventricolare dopo ablazione transcatetere nei pazienti con precedenti infarti non sono stati ben descritti.

L’ablazione transcatetere è stata eseguita in 98 pazienti consecutivi ( 88 maschi, 90%; età media 67 anni; frazione di eiezione 27% ) con tachicardia ventricolare post-infarto.

In totale sono stati indotti 725 episodi di tachicardia ventricolare durante la procedura di ablazione.

In 76 pazienti, 105 tachicardie ventricolari cliniche erano inducibili.
Sono stati individuati siti critici mediante mappatura elettroanatomica ( 10 o più su 12 derivazioni corrispondenti ) per 75 delle 105 tachicardie ventricolari cliniche ( 71% ) e per 278 di 620 tachicardie ventricolari non-cliniche ( 45% ).

Post-ablazione, la tachicardia ventricolare clinica non è risultata inducibile in alcun paziente, e tutte le tachicardie ventricolari sono state rese non-inducibili nel 63% dei pazienti.

Nel corso di un periodo di follow-up medio di 35 mesi, 65 dei 98 pazienti ( 66% ) non hanno presentato tachicardia ventricolare ricorrente e 33 ( 34% ) hanno avuto tachicardia ventricolare recidivante.

Una nuova tachicardia ventricolare si è verificata in 26 dei 33 pazienti ( 79% ), e una tachicardia ventricolare clinica precedente è recidivata in 7 pazienti ( 21% ).

I pazienti con tachicardia ventricolare ricorrente avevano una zona di cicatrice più grande come valutato dalla mappatura elettroanatomica, rispetto ai pazienti senza tachicardia ventricolare ricorrente ( 93 cm2 vs 69 cm2; P=0.002 ).

Nei pazienti con procedure ripetute, la maggior parte delle tachicardie ventricolari inducibili per cui potrebbe essere identificata una zona critica erano a una distanza di 6 mm dalle lesioni della ablazione precedente.

In conclusione, i pazienti con tachicardie ventricolari ricorrenti hanno una cicatrice più grande alla mappatura elettroanatomica.
La maggior parte delle tachicardie ventricolari ricorrenti erano nuove, e la maggior parte di queste tachicardie ventricolari sono state mappate per la vicinanza alle lesioni della precedente ablazione nei pazienti che hanno subito procedure ripetute. ( Xagena2013 )

Yokokawa M et al, J Am Coll Cardiol 2013; 61: 66-73

Cardio2013



Indietro