Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Terapia per il controllo precoce del ritmo nei pazienti con fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca


Anche con una terapia ottimale, molti pazienti con insufficienza cardiaca e fibrillazione atriale presentano complicazioni cardiovascolari.
Sono necessari ulteriori trattamenti per ridurre questi eventi, specialmente nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ventricolare sinistra conservata.

Una sottoanalisi prespecificata dello studio randomizzato EAST-AFNET4 ( Early Treatment of Atrial Fibrillation for Stroke Prevention Trial ) ha valutato l'effetto della terapia sistematica e precoce per il controllo del ritmo ( ERC; utilizzando farmaci antiaritmici o ablazione con catetere ) rispetto alla cura abituale ( che consente la terapia di controllo del ritmo per migliorare i sintomi ) sui due esiti primari dello studio e sugli esiti secondari selezionati in pazienti con insufficienza cardiaca, definiti come sintomi di insufficienza cardiaca NYHA da II a III o frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) inferiore al 50%.

Questa analisi ha incluso 798 pazienti ( 300 donne, 37.6%, età media 71.0 anni, 785 con FEVS nota ).
La maggior parte dei pazienti ( n=442 ) aveva insufficienza cardiaca e FEVS conservata ( FEVS maggiore o uguale al 50%; FEVS media 61% ), gli altri presentavano insufficienza cardiaca con frazione di eiezione media ( n=211; FEVS 40%-49%; FEVS media 44% ) o insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta ( n=132; FEVS inferiore al 40%; FEVS media 31% ).

Durante il follow-up mediano di 5.1 anni, l'esito primario composito di morte cardiovascolare, ictus o ospedalizzazione per peggioramento dell’insufficienza cardiaca o per sindrome coronarica acuta si è verificato meno spesso nei pazienti assegnati in modo casuale a terapia per il controllo del ritmo ( 94/396; 5.7 per 100 anni-paziente ) rispetto ai pazienti assegnati in modo casuale alle cure abituali ( 130/402; 7.9 per 100 anni-paziente; hazard ratio, HR=0.74; P=0.03 ), non-alterato dallo stato di insufficienza cardiaco ( valore di interazione P=0.63 ).

L'esito primario di sicurezza ( morte, ictus o eventi avversi gravi correlati alla terapia per il controllo del ritmo ) si è verificato in 71 pazienti su 396 ( 17.9% ) con insufficienza cardiaca assegnati in modo casuale a terapia per il controllo del ritmo e in 87 su 402 pazienti ( 21.6% ) con insufficienza cardiaca in modo casuale assegnati alle cure abituali ( HR=0.85; P=0.33 ).

La FEVS è migliorata in entrambi i gruppi ( variazione della FEVS a 2 anni: terapia per il controllo del ritmo 5.3%, cure abituali 4.9%, P=0.43 ).
La terapia per il controllo del ritmo ha anche migliorato l'esito composito di morte o ospedalizzazione per peggioramento dell'insufficienza cardiaca.

La terapia di controllo del ritmo trasmette benefici clinici se iniziata entro 1 anno dalla diagnosi di fibrillazione atriale nei pazienti con segni o sintomi di insufficienza cardiaca. ( Xagena2021 )

Rillig A et al, Circulation 2021; 144: 845-858

Cardio2021 Farma2021


Indietro